Diesel Malory Men bianco nero Canvas Deck Loafer Boat Shoes

B005YNVSYK

Diesel Malory Men bianco nero Canvas Deck Loafer Boat Shoes

Diesel Malory Men bianco nero Canvas Deck Loafer Boat Shoes
  • Materiale esterno: Canvas
  • Fodera: Textile
  • Materiale suola: gomma
  • Composizione materiale: Canvas
Diesel Malory Men bianco nero Canvas Deck Loafer Boat Shoes Diesel Malory Men bianco nero Canvas Deck Loafer Boat Shoes Diesel Malory Men bianco nero Canvas Deck Loafer Boat Shoes Diesel Malory Men bianco nero Canvas Deck Loafer Boat Shoes Diesel Malory Men bianco nero Canvas Deck Loafer Boat Shoes

Come ho avuto di modo di notare , un ripensamento delle fondamenta del campo – proprio in ragione dell’incapacità  della dottrina neo-liberista di fornire gli strumenti per comprendere in tempo il verificarsi della più grave crisi economica dal dopoguerra e dunque della probabile incapacità  di  trovare la via per uscirne  – è stata invocato a gran voce da tanti economisti. Ad esempio, l’economista inglese Grazia Ietto, nel presentare una  nuova associazione di economisti , la  LvYuan Da donnaSandaliFormale Casual Serata e festaAltroA stilettoFelpatoNero Rosa Rosso Grigio gray
  ha scritto : “ L’arroganza sta dalle parti di quelli che credono che avevano e hanno ragione a propagandare il modello neoclassico e neoliberista d’economia malgrado la crisi”¦ C’è rabbia invece tra i molti che non hanno mai aderito al modello neoclassico e neoliberista, compresi i pochi che avevano previsto la crisi sulla base di teorie e modelli alternativi. La loro voce non è stata ascoltata”¦”

A questo punto, entrando in “conflitto d’interessi”, mi sembra  necessario  ricordare che  mio padre  aveva correttamente diagnosticato l’avvicinarsi di una situazione di crisi simile a quella del 1929  EARTH spirit ARLINGTON DONNA Cyan
 che cominciava con queste parole: “ Da almeno due anni ho notato alcune rassomiglianze fra la situazione che si era determinata in America negli anni Venti del secolo scorso, un periodo che sboccò nella più grave depressione nella storia del capitalismo, e la situazione che si va delineando oggi in America “.

Nessuna certezza neanche sul comportamento dei votanti di una gauche spaccata come non mai. Il candidato socialista,  Benoît Hamon, poco oltre il 6% , ha ammesso una «pesante sconfitta elettorale e morale» schierandosi a favore del suo ex collega «social-liberle» nel governo di Hollande mentre il leader della sinistra alternativa,  Jean-Luc Mélenchon  (La France Insoumise, al 19,2%), non ha fornito indicazioni di voto chiedendo semplicemente di agire secondo coscienza. In un discorso dai toni sobri molto diverso da quelli aggressivi delle ultime settimane,  François Fillon, fermo al terzo posto con il 20% delle preferenze , ha ricordato che la desta deve «rimanere unita» in vista delle elezioni politiche di giugno.

Rivolgendosi alla nazione intorno alle 20.45, il candidato della Destra travolto dal Penelope Gate ha riconosciuto la sconfitta e ha invitato gli elettori a bloccare l’avanzata lepenista. « L’estremismo  porta solo disgrazie e divisioni», ha avvertito, «ora dobbiamo scegliere chi è preferibile, l’astensione non fa parte dei miei geni, soprattutto quando c’è un partito estremista, conosciuto per la sua violenza e l’intolleranza. Il suo programma porterebbe il Paese al fallimento, aggiungerebbe caos europeo. Non c’è altra scelta che votare per Macron».

Navi da crociera: scontro tra le Tremiti e il Parco del Gargano

Il sindaco Fentini annuncia il referendum e minaccia le dimissioni. Costanzucci chiude alle navi da crociera, Pecorella: "Rispettare la legge ma avere buonsenso"

Giovanna Greco
25 luglio 2017 08:22
61  Condivisioni
2 Commenti
I più letti di oggi


Abkürzungen San Domino vista da San Nicola (foto Giuseppe Palumbo)
APPROFONDIMENTI

Le  Isole Tremiti  fuori dal  Parco nazionale del Gargano . Da sabato c'è un deliberato del Consiglio comunale dell'isola, che ha votato la exit all'unanimità. E oggi il sindaco, Antonio Fentini, a Foggiatoday rincara la dose, dicendosi pronto ad andare fino in fondo, agitando, ove fosse necessario, anche le sue dimissioni. L'iter è complesso, lungo ed in salita. "Ma io non mollo. E sono pronto ad andarmene a casa se non si costituisce il Parco delle Isole Tremiti" dice.

Un referendum per uscire dal Parco del Gargano

Da subito, fa sapere, partirà la raccolta firme per l'indizione del  referendum . Serve il 50% più uno degli aventi diritto al voto. Ancor più perché, rileva, al voto in consiglio non è seguita alcuna reazione da parte dell'ente parco. Silenzio tombale. "Ho ricevuto solo la telefonata di un consigliere regionale che mi ha preannunciato la telefonata del Ministro dell'Ambiente". Ma sino ad ora il telefono è rimasto muto. Circostanza che non fa altro che acuire il sentimento ostile dei tremitesi. Perché di questo si tratterebbe. Il cahier de doleances  contenuto nel deliberato del consiglio (che va dai presunti fallimenti sul fronte tutela ambientale sostenibile all'assenza di una qualsivoglia politica per ciò che concerne la promozione economica e turistica) può essere sintetizzato, infatti, in un unico concetto: i tremitesi sarebbero stanchi di sentirsi opporre solo niet e vincoli da organismi che "nulla sanno delle Tremiti" e, per di più, "senza avere diritto di parola, senza poter entrare nelle gestione delle cose, senza sentirsi coinvolti in processi di condivisione".

Il diniego alle navi da crociera

Esclusi dalle decisioni di una terra che vivono loro, non gli altri. "Basti pensare che noi non abbiamo un rappresentante all'interno del consiglio direttivo  che di recente ha deliberato il diniego alla nostra istanza sulle  navi da crociera . Un no, si badi, unanime e senza possibilità di appello". Eccolo, il turismo da crociera, la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Il sogno, nelle parole di Fentini, di risveglio turistico ed economico. Il Consiglio direttivo si è riunito nei giorni scorsi proprio a Tremiti. "Son venuti in casa mia e non hanno avuto neanche il buongusto di avvisarmi all'esito del voto. Né ci hanno convocati per apprendere le ragioni di una simile istanza o per formulare una proposta alternativa, di compromesso: niente di niente. Ma cosa ne sanno loro di ciò di cui ha bisogno quest'isola? Cosa ne sa l'ambientalista Lion delle Tremiti? Lo stesso Ministero ha evitato di esprimersi, rinviando la decisione al Parco" attacca Fentini, che punta il dito contro il "cieco fondamentalismo ambientalista che fa male all'isola" e invita a guardare l'inquinamento ad opera di gommoni e motoscafi che, corredati di autorizzazioni, "compromettono, quelli sì, il nostro mare".



Potrebbe interessarti:  http://www.foggiatoday.it/politica/scontro-tremiti-parco-gargano-navi-crociera.html
Seguici su Facebook:  http://www.facebook.com/FoggiaToday
Chi siamo
Modalità di acquisto
Assistenza
Partner HP
Connessione Registrati per ricevere notizie e offerte

© Copyright 2017 HP Development Company, L.P. HP ITALY - P. IVA IT08954150960